Nella pratica dello Yoga dell’Energia è già insito il concetto (per nulla scontato) che la pratica si adatta al praticante, e non viceversa.


Lo Yoga Accessibile va oltre questo concetto, e più in profondità. Dato che i benefici dello Yoga sono enormi, è fondamentale che TUTTI gli esseri umani che lo desiderano, possano praticarlo. Nel rispetto della loro situazione psicologica, fisica e sociale.


All’inizio del percorso di formazione come insegnante di Yoga Accessibile, si usa condividere una promessa: “… affermo la divinità di ciascun individuo che attraversa il mio cammino e prometto di condividere gli insegnamenti Yoga con chiunque li ricerchi. Mi impegnerò al fine di rendere le pratiche Yoga accessibili a tutti i miei allievi, indipendentemente dalla loro abilità o storia personale, offrendo il mio servizio con amore e compassione.”


Nella pratica, questo significa prendere l’impegno a perseguire la pienezza dell’apertura del cuore accogliendo e aiutando a percorrere il cammino dello Yoga tutte le persone che lo desiderano, indipendentemente dalla loro condizione fisica o dalla loro storia personale. Significa anche potenziare le proprie potenzialità ascolto e di offrire adattamenti continui alla pratica, anche integrando nella stessa sessione di pratica persone con abilità e con disabilità differenti.

Una lezione “integrata” di Yoga Accessibile è una lezione in cui vengono praticati simultaneamente diversi livelli di una postura, affinché nessuno “resti fuori”.


Per info scrivi a: yoga@pratika.org

YOGA accessibile